Gabriele Toneguzzi

Come si mangia in treno? panorami austro-ungheresi: Railjet bistro


Railjet Bistro in Budapest

This entry was written by gt, posted on at 17:01, filed under Biblioteca, Didattica, Digital life, Ferrovie, Fotografia, Industrial design, Multimedia, Tecnologia. Leave a comment or view the discussion at the permalink.

Come si mangia in treno? Terza parte: opinioni

Come si mangia in treno?
Il vostro collega, Jacopo Rangoni, propone questa valida analisi sui vari modi di cibarsi a bordo treno
in questo terzo post potrete farvi un’idea tramite delle opinioni altrui; nel primo post ho inserito delle foto evocative, nel secondo post, dei video

Tanto&Buono e Pulito&Giusto: torneremo a mangiare in treno?

E’ la sfida più calda dell’estate quella scoppiata tra i fornelli di Trenitalia. Sconfitto nella gara d’appalto , il Gruppo Cremonini non vuole lasciare il posto ai vincitori, i francesi di Accor, e ha ordinato ai suoi addetti di barricarsi in cucina in attesa che il TAR si pronunci sul ricorso. E per ostacolare la nuova gestione fa salire sui treni perfino i dirigenti di Chef Express. “Spiace – dicono – dover abbandonare in modo così brusco un servizio gestito per quasi vent’anni”, ma Trenitalia ha rifiutato il subentro morbido. Intanto il braccio italiano di Accor, la società Tanto&Buono, ha già pronti menù e listini (pdf) che promettono una svolta gourmand. Niente cucina francese ma “prodotti locali di prima qualità per piatti dieteticamente equilibrati e sani”. Apertura di credito concessa per la collaborazione con Slow Food, non solo consulente, ma ideatore menù “a tema” (?). Tra le offerte della Tanto&Buono anche piatti per musulmani (senza carne di maiale) e ricette per la clientela vegetariana e vegana.

Non che far meglio di Chef Express sia un’impresa, ma cosa pensate dell’accordo Slow Food-Tanto&Buono? Finirà finalmente l’incubo del servizio sgarbato, della pasta collosa, degli arrosti sudati?

Scritto da: Antonio Tomacelli sabato 8 agosto 2009 fonte: www.dissapore.com

(more…)

This entry was written by gt, posted on 26 May 2010 at 18:21, filed under Biblioteca, Didattica, Ferrovie. Leave a comment or view the discussion at the permalink.

Come si mangia in treno? Seconda parte: video

Come si mangia in treno?
Il vostro collega, Jacopo Rangoni, propone questa valida analisi sui vari modi di cibarsi a bordo treno
in questo secondo post potrete farvi un’idea tramite dei video, soprattutto delle usanze giapponesi, nel primo post troverete delle suggestioni fotografiche, mentre nel terzo post potrete farvi un’idea tramite delle opinioni altrui

illustrazione generale di un treno proiettile giapponese e del modo di pranzare a bordo

(more…)

This entry was written by gt, posted on at 15:28, filed under Didattica, Ferrovie, Industrial design, Tecnologia. Leave a comment or view the discussion at the permalink.

Come si mangia in treno? prima parte: immagini

Come si mangia in treno?
Il vostro collega, Jacopo Rangoni propone questa valida analisi sui vari modi di cibarsi a bordo treno
in questo primo post potrete farvi un’idea con delle foto nel secondo post, i video, terzo post, le opinioni


(more…)

This entry was written by gt, posted on at 12:03, filed under Didattica, Ferrovie, Industrial design, Tecnologia. Leave a comment or view the discussion at the permalink.

Two of my students are among the winners of the Bombardier YouRail design competition

Federica Mucci and Roberto Tino are among the winners (4th-10th Prize) whit their Railway Hotel Car. Many compliments, and special thanks to Mr. Evaristo Primcipe !!!


ANNOUNCEMENT OF THE WINNERS

”An innovative design for long and over- night rail travels!„

Chris Antonopoulos (Vice President Sales, Bombardier Transportation)

Jury statement
Railway Hotel Car shows us that trains and comfortable hotels can be easily combined to an innovative design especially attractive for long and over-night rail travelers. The duplex concept of a two storey apartment is a very interesting re-use of serviceable rail vehicles. Sensitive to the recycling of used train cars, the designer proposed a simple but unique “Nomadic Hotel” concept with private and compact, yet “open feel” spaces. Although the sleeping quarters lost some ground to the increasingly fast pace commuting flights between distant cities, this approach could suggest a new traveling fashion promoting the discovery of various cities in few defined stops, in a similar approach as the cruise boats touring the seas… An idea with great potential.

This entry was written by gt, posted on 2 March 2010 at 17:10, filed under Didattica, Digital life, Ferrovie, Industrial design, Tecnologia. Leave a comment or view the discussion at the permalink.

Published: gabriele toneguzzi scritti scelti 2006-2009

[issuu layout=http%3A%2F%2Fskin.issuu.com%2Fv%2Fdark%2Flayout.xml showflipbtn=true documentid=100223104850-16c9187b679c4618a3527755e5915c2e docname=scritti_2006_2009 username=gabriele loadinginfotext=gabriele%20toneguzzi%20scritti%202006-2009 width=550 height=438 unit=px]

This entry was written by gt, posted on 23 February 2010 at 13:45, filed under Architettura, Articoli/scritti, Biblioteca, Didattica, Digital life, Ferrovie, Grafica, Industrial design, Multimedia, Musei, Paesaggio, Recensioni, Riviste, Storia, Tecnologia, Territorio, Tipografia. Leave a comment or view the discussion at the permalink.

Prospettive ferroviarie

Lausanne, triage,  cortesia Sbb Cff Ffs

Il panorama è tristo: nel sentire comune, oggidì ferrovia e treno sono visti come scomodi accidenti destinati a muovere sfortunati pendolari, studenti, pensionati, o poco più. Pure quando si parla di movimentazione delle merci, operativamente le aziende si prefigurano i camion, segnandosi al solo pensiero di affidare spedizioni critiche ad un vettore inaffidabile. La percezione, pur se difforme dalla realtà , è in gran parte meritata: il gestore ferroviario nostrano ha scarsissime propensioni a sposare la logica del servizio al cliente, nonostante vani tentativi operati a più riprese nel tempo. Le aziende del gruppo formano un muro di gomma capace di respingere, sovente in nome d’incomprensibili perché, la soluzione di problemi chiari, altrove quasi inesistenti, neutralizzando qualunque velleità , collaborativa o meno, da parte degli esangui proponenti. Mostrando simmetricamente il più fragile lato innanzi ai dettati dell’azionista di riferimento e parimenti, meno comprensibilmente, di fronte alle organizzazioni sindacali. (more…)

This entry was written by gt, posted on 23 November 2007 at 12:24, filed under Articoli/scritti, Biblioteca, Ferrovie. Leave a comment or view the discussion at the permalink.

Superluoghi, vedi alla voce

Supeluoghi, logo

Incessante catalizzatore e dispersore d’umani, il treno è superluogo molto poco considerato, in perenne divenire e mai uguale a se stesso. Un territorio mobile senza pari ove, oltre a viaggiare, è possibile lavorare, rilassarsi, pranzare, coricarsi, lavarsi. Insomma, vivere. E, diversamente da un bastimento, a stretto contatto ed in perenne immersione nelle estensioni attraversate. (more…)

This entry was written by gt, posted on 14 October 2007 at 20:22, filed under Articoli/scritti, Biblioteca, Ferrovie. Leave a comment or view the discussion at the permalink.

« Previous Entries