Gabriele Toneguzzi

Valdastico Sud, ultimo atto

 Andrea Palladio, Villa Saraceno a Finale di Agugliaro (VI)

Andrea Palladio, Villa Saraceno a Finale di Agugliaro (VI)

La costruzione dell´autostrada Valdastico Sud potrà ricominciare: ciò grazie alla decisione del Consiglio di Stato del 14 ottobre us che ha valutato positivamente il ricorso della Regione Veneto, società autostradale Brescia-Padova ed amministrazioni locali.
Il blocco risaliva al 31 maggio scorso: in virtù di una sentenza del Tar Veneto, era stata accolta l´istanza di varie associazioni deploranti, fra l´altro – cfr. GdA 31, luglio/agosto 2005 p.23 –, il fatto che l´infrastruttura avrebbe sfregiato irrimediabilmente molte preziose fabbriche, ed in particolare villa Saraceno di Andrea Palladio.

« È stata una grande vittoria e la soddisfazione è tanta perché quest´opera è indispensabile per lo sviluppo del nostro territorio », afferma il competente assessore provinciale vicentino; gli fa eco il presidente della provincia di Padova: « la fiducia nella giustizia ha premiato l´interesse di tutti », rincalzato appena in coda dal presidente dei potenti industriali berici « la ripresa dei cantieri è davvero un´ottima notizia per tutto il sistema regionale e per l´economia di casa nostra ». Sul fronte opposto, un´altro presidente, quello del comitato contrario alla costruzione parla di « una doccia fredda, uno shock terribile, una presa in giro ».

Sullo sfondo, silente, occhieggia la sindrome da capannoni, depressione – pare accertato – rampollante dalla bruttezza dell´intorno, come teorizza Francesco Vallerani, docente di geografia alla veneziana Università Cà Foscari. In sintonia, ad esempio, con le affermazioni d´uno scrittore del calibro di Andrea Zanzotto, che parla non solamente di fabbricati industriali ma d´una malsana idea di strutturare il territorio in squallidi agglomerati d´abitazione.

Del paesaggio italico – indiscutibile ricchezza economica – nonostante la pletora di leggi per la salvaguardia, già molto è irrimediabilmente perduto. In questo, come in altri casi, resta il vedere se continueremo a scrutare immobili. Lì, sulla porta. Ancora una volta indifferenti.

Gabriele Toneguzzi

Articolo pubblicato su Il Giornale dell’Architettura, novembre 2006

This entry was written by gt, posted on 12 December 2006 at 12:11, filed under Architettura, Paesaggio, Territorio. Bookmark the permalink. Follow any comments here with the RSS feed for this post.

Timeline

Have your say

Add your comment below, or trackback from your own site. Subscribe to these comments.

:

:

*