Gabriele Toneguzzi

Padiglione della stampa: Guido Modiano su Quadrante


Guido Modiano
Padiglione della stampa, Quadrante n.2

PADIGLIONE DELLA STAMPA (V triennale 1933, ndr)

La mostra della stampa alla Triennale costituisce un equivoco come programma d’esposizione e una occasione mancata come attuazione pratica. L’equivoco è annunciato nello stesso titolo, che autorizzava i grafici a sperare in una mostra sinceramente dedicata alla loro arte, come ad una delle arti minori. Invece per il direttorio, stampa è principalmente sinonimo di « giornale »: cosa che con l’arte grafica ha niente di comune, perchè il giornale, nel caso nostro, è considerato sotto la specie politica e lirica.
Quale apporto provenga da questa attività all’assunta dell’arte decorativa moderna, chiunque può vedere da sè: e a chi si meravigli di avvicinamenti tanto strani, basterà ricordare in quale conto sia tenuta l’arte grafica, tra noi, in fatto di esposizioni e di comprensione, e quali risultati si ricavino da tale atteggiamento.
L’esperienza di Monza 1930 non ha servito. In quella occasione la mostra grafica è stata pretesto per esercitazioni spiritose di « architetture metafisiche », cornice esuberante a un contenuto melanconico; a Milano, l’ambiente non è più adatto di allora alla presentazione di stampati e in più la mostra ha servito a manifestazioni che per l’arte grafica sono irrilevanti.
Recriminabile fatto, perchè, anche senza voler sopravalutare la tipografia, non si può disconoscere la necessità della sua coerenza col gusto dell’epoca e delle altre arti, per la forza propagandistica che è contenuta nella sua universalità.
Il direttorio stesso ha mostrato di averlo inteso, sforzandosi di dare agli stampati e alla propaganda della Triennale un aspetto « alla giornata »: se poi gli uni e l’altra hanno tradito l’intenzione, con le loro attuazioni di gusto, diciamo, dubbio, l’importanza deI riconoscimento non ne viene diminuita.
In sott’ordine a questo, due fatti imponevano una sezione seria, competente dedicata all’arte tipografica: – la rarità, in Italia, di mostre grafiche organiche e rigorose; l’essere la tipografia nuova, sempre in Italia, troppo lontana da quella maturità che sola potrebbe legittimare un disinteresse propagandistico.
Ammesso, sebbene non sia facile ammetterlo, che si fosse ritenuto giovevole e logico inserire in una « sagra » dell’arte decorativa la mostra del giornale, per rinnovare il fatto di Colonia e Barcellona (ricordare: si è trattato allora di due mostre ben diverse, una tecnica del ramo, l’altra supremamente eclettica – riflettere su quanto abbia perduto in efficacia la propaganda politica di allora, quest’anno XI, con la Mostra della Rivoluzione aperta e nel clima filo-fascista dell’Europa) si sarebbe dovuto evitare ogni equivoco: al giornale ed alle manifestazioni che ne derivano, l’intero padiglione di Baldessari; all’arte grafica, anzi alla tipografia, matrice di tutte le altre « arti » grafiche, uno spazio conveniente nella mole muziana.
Nel pasticcio del Padiglione della Stampa, la tipografia rimane in sott’ordine e si vede tolta la sua autorità.
Dobbiamo concludere: ignorare quest’arte « minore » sarebbe stato preferibile al presentarla in modo tanto poco coerente con la sua importanza e con l’apporto che all’arte decorativa può provenirne.

Su presupposti programmatici di questa consistenza, erano impossibili delle attuazioni pratiche documentate sulla tipografia attuale. Difatti la mostra è una copia mediocre delle solite mostre: a parte il fatto dell’irrazionalità architettonica, della illuminazione insufficiente dove (mostra della fotografia) non è addirittura contraria.
Si è dimenticato che la tipografia nuova, in Italia, è ancora in una fase polemica: che la situazione grafica nel 1933 è quella dell’architettura nel 1928-29. Eppure bastava richiamarsi ai due assunti della Triennale – risposta documentata ai negatori di uno stile deI nostro secolo; opera di propaganda sulle masse e di coordinazione dei produttori – per inquadrare con la maggiore evidenza programma e attuazione della mostra che ci interessa.
Tipografi d’ avanguardia con esemplari lavori, presentati genere per genere – attuazioni moderne di stampati d’uso comune, con i prodotti correnti accostati alle nuove interpretazioni, mediante accorgimenti grafici che rendessero chiari a tutti le ragioni ed i risultati della tipografia nuova: pagine di cataloghi come sono e come dovrebbero essere, pagine di riviste neoclassiche e pagine di gusto vivo.
Altro indice dell’impreparazione, è l’assenza di una mostra dei caratteri: elementi essenziali nella tipografia ed interessantissimi come dimostrazione di tendenze, perchè le fonderie hanno una sensibilità acuta dei bisogni moderni e creano per tempo i tipi nuovi. Un invito chiaro, concreto: e le fonderie avrebbero mandato molto materiale, anche appositamente studiato in quei loro reparti preparatissimi, per valore di collaboratori ed efficacia tecnica, allo studio delle estetiche grafiche e delle intelligenti applicazioni dei tipi.
Inquadrata in una sezione così predisposta, anche buona parte della mostra fotografica – nella quale la scelta del materiale doveva essere condotta con criteri più rigorosi e moderni: più « grafici » – avrebbe raggiunto un significato concreto e attuale.

Riflettere sulla possibilità di accostarsi a nuove forme, a nuove idee, di documentarsi su nuovi impieghi, per quegli artisti plastici e quegli architetti che in numero sempre maggiore diventano i collaboratori della tipografia, e ai moduli tipografici sono spinti dalle direttive dell’arte attuale.
Riflettere sulla suggestione da questo mondo mal noto esercitata sopra il pubblico: committente che impone troppo spesso il proprio gusto, per ignoranza, indeciso e misoneista.

Tutti risultati raggiungibilissimi al patto che le idee fossero state chiare e annunciate a tempo opportuno.
Perchè chi sia appena al corrente della nostra situazione grafica, sa benissimo come il materiale sufficiente non si trovi nella produzione normale: ma debba essere preparato traverso inviti, incarichi, concorsi.
E come s’è stimato imprescindibile aver presenti gli architetti esteri, non v’era ra[gio]ne seria che sconsigliasse di fare altrettanto con i tipografi esteri. La Triennale doveva essere « europea » anche, e soprattutto, in quell’arte grafica che è la più europea delle arti e fra noi, la meno alla giornata. Soprattutto bisognava evitare la sezione tedesca così com’è stata attuata, per quanto rappresenta di sperequazione di materiale e d’umiliante confronto.

Con rammarico vivo si deve prendere atto di quale magnifica occasione è stata sciupata per situare l’Italia grafica, almeno come intenzioni, nel gruppo di testa delle nazioni europee: rammarico tanto più vivo, perchè questo si deve a un tremendo nemico di ogni cosa seria nel campo dell’arte: il dilettantismo.
GUIDO MODIANO

This entry was written by gt, posted on 29 November 2006 at 00:39, filed under Architettura, Biblioteca, Grafica, Riviste, Storia, Tipografia. Bookmark the permalink. Follow any comments here with the RSS feed for this post.

Timeline

Have your say

Add your comment below, or trackback from your own site. Subscribe to these comments.

:

:

*